Ricetta Carpaccio di bresaola di Angus

Ricetta Carpaccio di bresaolaLuca La Peccerella de Il Memorabilia di Agrate Brianza, ha interpretato la sua versione della Bresaola Angus Giò Porro.

Ricetta Carpaccio di bresaola di Angus, robiola, lattuga di mare, tarassaco e zeppoline side

Ingredienti Carpaccio di bresaola

Bresaola di Angus 70g
Robiola 20g
Lime 1 pz
Tarassaco 5g
Lattuga di mare 100g
Farina 00 200g
Acqua frizzante 30dl
Parmigiano grattugiato 20g
Sale
Pepe
Lievito di birra 5g
Olio di semi
Olio di extravergine di oliva

Procedimento Carpaccio di bresaola

Zeppole: In una ciotola versare l’acqua e il lievito, e la lattuga di mare tagliata grossolana, versare la farina 00 passandola a setaccio.
Impastare con moderazione ottenendo un impasto molto morbido. Completare l’impasto con parmigiano sale e pepe.
Lasciar lievitare al caldo per circa 2 ore.

Carpaccio: Affettare la bresaola ad uno spessore di 1,5 facendo la stessa cosa con il tartufo copiandolo con un ring idoneo alla fetta.

Robiola: Mantecare la robiola con le zest di lime aiutandosi con una grattugia, aggiungendo un po’ di succo di lime e un pizzico di sale.Far riposare il composto in frigo per 15 min.

Lattuga di mare croccante: Sciacquare le alghe e asciugarle perfettamente,friggere in olio di semi a 180gradi e asciugare l’olio in eccesso, facendole diventare croccanti.

Finitura del piatto

Preparare le zeppoline con la mano come una sacca poche prendendo l’impasto e facendo uscire dall’alto immergendole nell’olio ,ottenendo delle piccole palline di pasta cresciuta.(o aiutarsi con due cucchiai)

Disporre il carpaccio nel piatto in maniera gonfia e rialzata poi con il biberon di robiola creare degli spuntoni sparsi, montare le alghe croccanti spezzettate,completare con tarassaco condito con olio e pepe.
Servire con le zeppoline side che accompagneranno il tutto.

Bresaola prodotta in Valtellina

Produrre Bresaole senza ricorrere a conservanti è perfettamente possibile nella Manifattura 4.0 Giò Porro, perchè:

  • Altamente tecnologica (ha vinto il premio industria 4.0) per la tutela della salute del consumatore
  • Utilizza solamente carne fresca (non congelata) e di ottima qualità;
  • Obbligo di osservazione rigorosa delle norme igienico sanitarie;
  • Utilizzare spezie e bovini delle migliori razze;
  • Obbligo di monitorare in modo minuzioso tutti i parametri fisico-chimici;
  • Obbligo di una lunga stagionatura, che viene costantemente controllata, senza alcuna forzatura per abbreviarne i tempi

Quindi se vuoi mangiare Bresaola Genuina senza conservanti, rivolgiti a Giò Porro.

Sei curioso di scoprire la bresaola Giò porro? Visita lo Shop!

Lascia un commento